Assemblee

Ai sensi dell’art. 8.2. dello Statuto dell’Emittente “Sono legittimati all’intervento in Assemblea gli Azionisti per i quali sia pervenuta alla Società la comunicazione prevista dall’art. 2370, comma secondo, cod. civ. nel termine di due giorni non festivi precedenti la data della singola riunione Assembleare”.

L’Assemblea ordinaria viene convocata almeno una volta l’anno per l’approvazione del bilancio entro centoventi giorni dalla chiusura dell’esercizio sociale. L’Assemblea e’ inoltre convocata sia in via ordinaria che straordinaria ogni volta che il Consiglio di Amministrazione lo ritenga opportuno e nei casi previsti dalla legge. La convocazione dell’Assemblea dovrà essere fatta senza ritardo quando ne è inoltrata richiesta ai sensi di legge.

L’Assemblea sia ordinaria sia straordinaria e’ convocata, nei termini previsti dalla normativa vigente, con avviso pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana o sul quotidiano “Il Sole 24 Ore” contenente l’indicazione del giorno, ora e luogo della prima e delle eventuali successive convocazioni, nonche’ l’elenco delle materie da trattare, fermo l’adempimento di ogni altra prescrizione prevista dalla normativa vigente.

L’ordine del giorno dell’Assemblea e’ stabilito da chi esercita il potere di convocazione a termini di legge e di Statuto ovvero, nel caso in cui la convocazione sia effettuata su domanda dei Soci, sulla base degli argomenti da trattare indicati nella stessa. Qualora ne sia fatta richiesta dai Soci ai sensi di legge, l’ordine del giorno e’ integrato nei termini e con le modalita’ previste dalle disposizioni applicabili.

Ai sensi dell’art. 9 dello Statuto, l’Assemblea dei Soci e’ presieduta dal Presidente del Consiglio di Amministrazione o, in sua assenza o impedimento, dall’unico Vice Presidente, o, nel caso esistano più Vice Presidenti, dal più anziano di carica di essi presente e, in caso di pari anzianità di carica, dal più anziano di età. In caso di assenza o impedimento sia del Presidente, sia dell’unico Vice Presidente, ovvero di tutti i Vice Presidenti, l’Assemblea dei Soci e’ presieduta da un Amministratore o da un Socio, nominato con il voto della maggioranza dei presenti. Il Presidente dell’Assemblea accerta l’identità e la legittimazione dei presenti; constata la regolarità della costituzione dell’Assemblea e la presenza del numero di Soci necessario per poter validamente deliberare; regola il suo svolgimento; stabilisce le modalità della votazione ed accerta i risultati della stessa.

Per la validità della costituzione dell’Assemblea, sia ordinaria sia straordinaria, e delle deliberazioni si osservano le disposizioni di legge e statutarie.

Per agevolare l’intervento in Assemblea e l’esercizio del diritto di voto, l’art. 6, comma 2, dello Statuto prevede che l’Assemblea ordinaria o straordinaria possa riunirsi mediante videoconferenza con intervenuti dislocati in più luoghi, contigui o distanti, purchè siano rispettati il metodo collegiale e i principi di buona fede e di parità di trattamento fra i Soci.
La Società non ravvisa, allo stato, la necessità di proporre l’adozione di uno specifico regolamento per la disciplina dei lavori Assembleari, ritenendo altresì opportuno che, in linea di principio, sia garantita ai Soci la massima partecipazione ed espressione nel dibattito Assembleare.

Ai sensi dell’art. 17 dello Statuto, nel rispetto dell’art. 2436 cod. civ., la competenza assembleare è derogata in favore del Consiglio di Amministrazione per le deliberazioni concernenti:

  • fusioni o scissioni c.d. semplificate ai sensi degli artt. 2505, 2505-bis, 2506-ter, ultimo comma, cod. civ.;
  • istituzione o soppressione di sedi secondarie;
  • trasferimento della sede sociale nel territorio nazionale;
  • indicazione di quali Amministratori hanno la rappresentanza legale;
  • riduzione del capitale a seguito di recesso;
  • adeguamento dello Statuto a disposizioni normative.

Dette deliberazioni potranno essere comunque assunte anche dall’Assemblea dei Soci in sede straordinaria.

***

Per quanti riguarda i diritti degli Azionisti si rinvia alle norme di legge e regolamento pro tempore applicabili; oltre a quanto già indicato nei precedenti paragrafi della presente Relazione, si precisa che il diritto di recesso è esercitabile solo nei limiti e secondo le disposizioni dettate da norme inderogabili di legge e, ai sensi dell’art. 3, comma 2, dello Statuto, è escluso del caso di proroga del termine di durata della Società.

***

Il Consiglio ha riferito in Assemblea sull’attività svolta e programmata e si è adoperato per assicurare agli Azionisti un’adeguata informativa circa gli elementi necessari perché essi potessero assumere, con cognizione di causa, le decisioni di competenza Assembleare.
Il Consiglio, nella riunione del 26 febbraio 2009, ai sensi del Criterio applicativo 11.C.6 del Codice, non ha ravvisato la necessità di proporre all’Assemblea degli Azionisti modifiche statutarie in relazione alle percentuali stabilite per l’esercizio delle prerogative poste a tutela delle minoranze, in quanto - in applicazione dell’art. 144-quater del Regolamento Emittenti Consob per la presentazione delle liste per la nomina dei componenti del Consiglio e del Collegio Sindacale - gli artt. 12.3 e 24.1 dello Statuto dell’Emittente richiedono la soglia percentuale del 2,5% del capitale con diritto di voto o la diversa percentuale eventualmente stabilita o richiamata da disposizioni di legge o regolamentari.
In proposito si segnala che, con delibera n. 17148 del 27 gennaio 2010, la Consob ha determinato nel 2,5% del capitale sociale la quota di partecipazione richiesta per la presentazione delle liste di candidati per l’elezione degli organi di amministrazione e controllo dell’Emittente, con riferimento all’esercizio chiuso al 31 dicembre 2009.